_Il presente è ora non dopo_

Il tempo non si trattiene; la vita è un compito da fare e che ci portiamo a casa. Quando uno guarda e… sono già le sei del pomeriggio.Quando uno guarda ed è già venerdì. Quando uno guarda ed è finito già il mese.Quando uno guarda ed è già finito un anno.Quando uno guarda e già sono passati 50 o 60 anni. Quando uno guarda e si accorge di aver perso un amico.Quando uno guarda l’amore della propria vita andarsene e accorgersi che è tardi per tornare indietro…Non smettere di fare qualcosa che ti piace per mancanza di tempo, non smettere di avere qualcuno accanto a te o di goderti la solitudine.Perché i tuoi figli subito non saranno piú tuoi e dovrai fare qualcosa con questo tempo che resta. In quanto l’unica cosa che ci mancherà sarà lo spazio che solo si può godere con gli amici di sempre, quel tempo che purtroppo non torna più…Prova ad eliminare il “dopo”… dopo ti chiamo… dopo lo faccio… dopo lo dico…dopo io cambio..​.ci penso dopo….Lasciamo tutto per dopo come se il dopo fosse il meglio, perché non capiamo che: dopo il caffè si raffredda…dopo la priorità cambia… dopo l’incanto si perde…    dopo il presto si trasforma in tardi… dopo la malinconia passa…dopo le cose cambiano… dopo i figli crescono… dopo la gente invecchia…dopo le promesse si dimenticano…dopo il giorno é notte…dopo la vita finisce……Non lasciare niente per dopo perché nell’attesa del dopo puoi perdere i migliori momenti, le migliori esperienze, i migliori amici, i migliori amori….. Ricordati che il dopo può essere tardi, il giorno è oggi! Namasté🙏                                    Torino 25/5/2017 rosannadesole.

        L’ipocrisia!!

È “Ipocrisia” lo sdegno dei potenti che si dicono addolorati per i bambini della Siria morti per i gas letali. Sono “Ipocriti” visto che non si sono mai addolorati, per i tantissimi bambini Siriani morti sotto le bombe,che cadono ogni giorno sulle loro teste da qualche anno in quel paese. Trovo “Ipocrisia” lo sdegno delle tante nazioni che oggi professano il loro dolore…] Dov’é lo sdegno che dovrebbero urlare ogni giorno questi “Ipocriti” che governano le nazioni ricche nel mondo. Sono “Ipocriti” per non urlare  il loro dolore a milioni di bambini che muoiono di fame , per i tanti bambini che muoiono di lavoro minorile, per i tanti bambini abusati. “Ipocriti” ecco cosa sono quelli che si sono indignati per i bambini morti in Siria dalle  bombe di gas letali. Cari “Ipocriti” che vi sdegnate solo ora: non ci sono bambini di serie A o serie B, quello che succede a milioni di bambini nel mondo non è un campionato calcistico. Mi vergogno per voi, mi vergogno della vostra “Ipocrisia” per come governate il pianeta senza possedere un briciolo di vera umanità.Per me siete dei poveri “Ipocriti”.!!!                                                 Torino 8/4/2017. Rosanna Desole.

 

I gas venivano già utilizzati nella Prima Guerra Mondiale. La foto sopra è di oggi, quella sotto è di repertorio. Nulla è cambiato!

 

I figli non sono un’arma di ricatto.

Mettiamo sempre in primo piano,noi mamme…… “Dimenticandoci che è grazie hai nostri padri, che con il loro seme ci hanno donato la vita”! È vero che noi mamme facciamo sbocciare e crescere la vita dentro noi. Ma senza i loro semi non ci sarebbe nessuna vita.Questo purtroppo non lo ricordiamo mai,se non in alcune  occasioni.Un mio pensiero va a tutti quei padri ,che per colpa di separazioni della coppia,vengono privati della possibilità di stare vicino ai loro figli che non hanno colpa dei problemi fra genitori.”!!! Mamme tenete separati i vostri diverbi di coppia, lasciate che i figli possano godere della vicinanza e dell’amore dei loro padri. Loro sono i creatori di tutti noi. Grazie a tutti i padri, soprattutto all’universo…Padre di tutta l’umanità.                      Rosannadesole 19/3/2013

 

Pietre

Pietre calpestate senza essere guardate,
pietre trasformate dal tempo in sabbia,
pietre diventate grandi montagne,
pietre trasformate in abitazioni,
pietre trasformate in grandi strade,
pietre ricche di minerali per questo sfruttate,
pietre erose dal vento  trasformate in sculture
pietre che sono il manto roccioso su cui tutto appoggia
pietre scavate per cercare gemme preziose                                                                             trasformate in gioielli da sfoggiare                                                                                            senza pensare  che sotto terra  devono restare
pietre da amare tutto nasce. da un’insieme di pietre                                                             agglomerate che hanno creato questo pianeta                                                                          che si è trasformato per far crescere la vita.
Chieri / 1968 Desolerosanna !                                           IMG_0039

ISOGNO! 

 

 

FullSizeRender

 

Ho sognato di avere le ali,
volavo lassù dove il
cielo è più blu, so che
li ci sei tu. Mi tendi le mani
mi aggrappo ad esse,
insieme iniziamo a
volare, danziamo mi sento
felice, mi metto a gridare
non mi lasciare,ti supplico
vieni con me, torniamo giù
non ci lasciamo più.
Poi ad un tratto le lasci andare,
non riesco più a volare,
precipito sempre più giù.
Non riesco più a vederti,
ho capito che sei rimasto
lassù. Tutto sparisce,
il sogno finisce.
Mi sveglio con il magone;
mi sforzo di pensare,
devo continuare a
sognare se voglio  volare
insieme a te,danzare nel blu
del cielo più profondo
dove ho visto che esiste
un altro meraviglioso mondo!                                                                                                                                          Torino 13/10/2012 rosannadesole

L’UMANITÀ DI QUESTO MONDO !

Portando il mio cane nel parco
a passeggiare mi soffermo
stupita a guardare ciò che
mi circonda:”il fiume,i prati pieni di fiori dai mille colori,
le piante secolari…”mi chiedo;
chi ha creato il mondo l’umanità”…
avrà capito la nostra incapacità di prenderci cura 
di lui,dì tutto quello che ci dà?
Non riusciamo ad apprezzare
conservare un tesoro così
prezioso. Facciamo guerre
senza pensare che c’è chi 
muore,sta male,non ha da bere ne da mangiare,
per il denaro avveleniamo 
tutto ciò che tocchiamo.
Distruggiamo la terra che ci sfama,le foreste,il cielo, 
il mare che ci permettono di respirare. Là nostra avidità, stupidità non ci fanno capire 
che questo mondo a lungo andare si potrebbe ribellare.
Sarà troppo tardi intervenire.!!!!
DEDICATO AL NOSTRO PIANETA TROPPO MALTRATTATO 
Torino 2008 Rosannadesole.

FIGLI = AMORE = FAMIGLIA.

960141_599366396748436_1044054890_n (1)

In tanti anni quanta disperazione
e quanti pianti, riuscivo solo a
pensare” come mai tardano ad arrivare”.?
Avevo tanto amore a loro da donare.
Mio marito mi diceva”ti devi rassegnare”
io continuavo a pregare che il Signore
mi potesse ascoltare,un miracolo solo……
me lo puoi fare? Il Signore mi ha ascoltata
e con gioia mi sono ritrovata ad aspettare
un bambino da amare…….era una bambina
nata prematura ,piccolina piccolina la mia stellina adorata,
ho aspettato ancora un mese prima
di stringerla sul mio cuore.
avrei voluto poterti prendere la manina,
“dirti …mamma e papà sono accanto a te, tu sei piccina
ma presto diventerai una grande bambina.
Tutti e tre insieme saremo una bella famiglia,
il nome te la scelto papà “Maura il nome di un bel angioletto”.Non si era sbagliato eri bravissima. praticamente ti davamo la pappa da addormentata papà era sempre li a guardare se respiravi poi prendeva la macchina fotografica e fotografava ogni smorfia o sorriso che facevi, “guarda che là consumi se non la smetti”!
Lui estasiato ti guardava incantato ha anche imparato a cambiarti i pannolini a darti il biberon,lui che aveva sempre avuto paura a toccare i bambini piccolini.!
Crescevi tranquilla e serena io ero convinta che tu saresti stata la sola figlia che non speravo di avere.
Dopo un anno e mezzo ecco compiersi
un’altro miracolo inaspettato dopo otto mesi
tuo fratello è arrivato; e come te e nato prematuro, piccino piccino, e stato anche lui portato via subito in incubatrice. Non ho potuto stringerti al cuore ,
Io e papà ci siamo guardati…….. Per farci coraggio ci abbracciamo ,”lui mi bisbiglia hai visto che bella famiglia”, ora però aspettiamo che cresca in fretta,
sarà una grande sorpresa quando diremo a Maura che è arrivato un fratellino.
l’abbiamo chiamato Luca. “Il Signore la mandato per farti compagnia, non sentirti sola. Non sei stata contenta come speravamo……hai capito che l’amore
ora andava diviso, la gelosia ti ha contagiata, a due anni sei ritornata neonata!
Dovevo fare come avessi due gemelli invece che fratelli .
Crescendo siete diventati amici.Io e papà eravamo felici di vedervi frequentare gli stessi amici .
Due miracoli erano già tanti ho ringraziato DIO,
Due figli in’aspettati era più di quello che avevo chiesto,
La famiglia che sognavo era perfetta ”
abbiamo una bellissima coppietta “! Ora dobbiamo pensare di farli crescere con amore ,educazione,rispetto.
Tante coccole ripetendovi sempre, che vi amavamo tanto. Spero di avervi dato
quello che a me e tanto mancato……, Il contatto fisico con mia madre che avrei
voluto mi abbracciasse, dirmi quanto mi amasse.!

ANDARE DI FRETTA….!!

10666545-NEW-YORK-USA-13-luglio-La-gente-fretta-centro-di-Manhattan-ai-loro-uffici-al-mattino-presto-luglio-1-Archivio-Fotografico.jpg

Tutti abbiamo sempre fretta                                                                                                   qualsiasi cosa si debba fare……
” non si può perdere un attimo,
Le cose da sbrigare sono troppe,
così si corre sempre più in fretta”.
Vorrei mettermi a gridare,
“Gente mi volete ascoltare”….?
“fermatevi un momento a pensare”.
La nostra vita non è infinita……,
pensate che bello sarebbe,
passeggiare mano nella mano
con chi amiamo.”No” non possiamo;”
“Non abbiamo tempo dobbiamo
fare in fretta,ci dobbiamo sbrigare….!”
Pensate che correndo guadagnerete
più tempo,? Non vi accorgete che il
tempo passa ? Vi perdete momenti
di felicità,un bacio ,un abbraccio,
prendervi per mano , passeggiare.
Se vi fermate solo un attimo vi
accorgerete di tutte le cose belle vi perdete…..,
per la fretta….. tutto questo vale la pena ?
Per comprare la felicità,non c’è fretta,
quella può aspettare!”

Chieri 23/12/1966